sabato 20 giugno 2009

In Bruges - La coscienza dell'assassino ( Martin McDonagh , 2008 )


Giudizio: 7.5/10
Gotico profondo


Se il buongiorno si vede dal mattino, allora non ci sono dubbi che Martin Mc Donagh, noto autore teatrale in Gran Bretagna, dopo questo film d'esordio ci darà grandi soddisfazioni.
Sì perchè In Bruges è un film bello, di quelli che soddisfano l'occhio , l'anima e il corpo, di quelli che pur in assenza quasi totale di azione creano una sottile, quasi impalpabile ma montante tensione, in cui i magistrali dialoghi (chiaro retaggio teatrale, che qualche buontempone ha scambiato per eccesso di verbosità) ti calano con forza nei personaggi; e poi c'è Bruges, l'unica cosa valida che esiste in Belgio ha detto qualcuno,che qui nel film non fa da palcoscenico freddo alla storia , ma ne è parte, e importante: ora si concede nelle sue meraviglie, ora si ritira come una tartaruga nei suoi vicoli, ora segue i tumulti interiori dei due killer maldestri, turisti loro malgrado , offrendo visioni inaspettate: su tutto emerge la sua profonda goticità che sembra sposarsi in maniera indissolubile al dramma, con aspetti a volte comici.
E' il racconto di due uomini così diversi, agli antipodi, che non debbono fare nulla se non aspettare...e guardarsi dentro, provare paura, rimorso, voglia di dare un senso alle loro gesta: alla fine non si può non provare almeno un po' di simpatia e tenerezza per i due, proprio perchè alla resa dei conti si ritrovano soli davanti a se stessi, agli eventi inevitabili e a Bruges che incute un gotico timore.

2 commenti:

  1. ero andato al cinema, soliti quattro gatti, aspettandomi qualcosa di bello, all'uscita ero davvero contento di non essermelo perso sul grande schermo.
    grandi attori, uno sfondo bellissimo, una storia originale, un regista che sa saltare dal comico al drammatico senza sforzo.
    merita davvero.

    RispondiElimina
  2. Considerato anche che di opera prima si tratta, credo che possa essere considerato uno tra i migliori film del 2008; Bruges che diventa protagonista di un thriller molto gotico è una trovata geniale.

    RispondiElimina

Condividi