venerdì 1 febbraio 2013

Mr and Mrs Gambler / 爛賭夫鬥爛賭妻 ( Wong Jing / 王晶 , 2012 )

Giudizio: 6.5/10
Chapman e Fiona: coppia perfetta

Nel 2012 Wong Jing ha diretto 3 film , più la sceneggiatura di un quarto, spaziando in tutti i generi, come è sua consuetudine da un po' di tempo: Mr and Mrs Gambler è l'unica commedia tra questi, genere in cui il regista si è cimentato sin dagli inizi, passando per la collaborazione con Stephen Chow.
La commedia in stile HKese, che ricordiamolo vanta lavori ed autori di grande rilievo nella sua lunga lista cinematografica, si arricchisce con Wong Jing di un pizzico di demenzialità che spesso non guasta e che fa di questo lavoro il classico esempio di cinema popolare d'intrattenimento.
La storia gira intorno a due personaggi scommettitori maniacali che per puro caso incrociano le loro strade e naturalmente questo non può che portare ad una situazione esplosiva; poi siccome l'amore è cieco ma fino ad un certo punto i due diventano marito e moglie e da quel momento la fortuna sembra girare dalla loro parte.
Lui diventa un attore , lei la direttrice di un casinò (pensa tu...), entrambi diventano genitori ma il tarlo delle scommesse è duro a morire e i guai non se ne vanno mai da soli senza lasciare traccia.
Il finale si adagia un po' sulla commedia romantico-sentimentale e come tutte le commedie che si rispettino non può che andare a finire in un certo modo.

Fintanto che Wong Jing incanala la storia sui binari della commedia brillante un po' cialtrona in stile Hkese con frequenti tracimazioni nel demenziale , il film ha ritmo e divertimento assicurato oltre che prese per i fondelli per tutti: il regista che accalappia il protagonista si chiama Wong Jing Wai, occhiali scuri e perenne sigaretta in mano e sta dirigendo un lavoro sulle arti marziali che uscirà nel 2046 ma forse finirà di girarlo nel 2086 (chissà chi sarà mai...), la madre del protagonista affetta da Alzheimer ( ma sarà vero? ) crede di essere sposata con Andy Lau, il padre invece è un millantato attore di grande bravura però fallito.
A questo aggiungiamo una serie di situazioni e di personaggi di contorno ben riusciti ( il primo incontro al casinò tra i due protagonisti, il boss che gestisce il casinò, il già citato parentame) , battute sparate a raffica , il fare buffonesco di Chapman To ed ecco che soprattutto all'inizio il film diverte e strappa risate sincere. Quando poi nella seconda parte si indirizza più sull'aspetto romantico perde un po' della sua verve , rientrando almeno in parte in binari più canonici ed ovvi.
Nel complesso dunque film leggero, di puro intrattenimento che offre divertimento e demenzialità al punto giusto.
Chapman To è pienamente a suo agio nei panni da cialtrone e regge bene la parte da mattatore, Fiona Sit ben si adegua a graziosa spalla , confermandosi come una delle coppie più valide del cinema brillante di Hong Kong.

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi