mercoledì 22 ottobre 2014

As the Gods will ( Miike Takashi , 2014 )


Giudizio: 7.5/10

In occasione dell'assegnazione del Marevick Director Award da parte del Festival del Cinema di Roma, Miike Takashi presenta alla rassegna romana in anteprima mondiale il suo nuovo lavoro As the Gods will, che se non altro ha il pregio di dare una sferzata di energia ad una manifestazione che stenta a decollare , troppo spesso dominata dalla confusione e dalla noia.
Non era difficile prevedere ciò: Miike , anche quando i suoi lavori non sono di fattura indimenticabile, riesce comunque ad essere mai ovvio e dozzinale e a regalare pellicole che hanno qualcosa per cui farsi apprezzare; As the Gods will non viene meno a questa regola e al momento risulta probabilmente il miglior film visto in tutta il Festival.
Giocando un po' con il suo passato cinematografico e un po' con quel Battle Royale che qualcuno annovera tra i lavori imprescindibili del cinema giapponese, Miike racconta una storia frenetica, ricca di ritmo,di ironia e di tematiche nascoste.

L'inizio è folgorante: una intera scuola in balia di un Daruma, una bambola tradizionale giapponese che  comanda un gioco tipo il nostro "Uno, due , tre, stella!" che fa saltare la testa a chi perde inondando la classe di palline rosse che sgorgano al posto del sangue dai corpi acefali.
La recensione completa può essere letta su LinkinMovies.it

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi