martedì 25 agosto 2015

Monk Comes Down the Mountain / 道士下山 ( Chen Kaige / 陈凯歌 , 2015 )




Monk Comes Down the Mountain (2015) on IMDb
Giudizio: 6.5/10

Dopo aver co-prodotto l’ultimo lavoro di Jiang Wen ( Gone With the Bullets) la Columbia Pictures replica il suo impegno in Cina collaborando alla produzione del nuovo film di Chen Kaige, acclamato regista della Quinta Generazione di cineasti cinesi: Monk Comes Down the Mountain è opera ricca di ambizione nella quale l’aspetto tecnico al servizio del 3D e la tematica più intima del racconto cercano di trovare un difficile punto di incontro e di fusione.
Ispirandosi ad un romanzo di Xu Haofeng , che conosciamo non solo come regista apprezzato per l’interessante dittico The Sword Identity e Judge Archer, ma anche come sceneggiatore del ben più famoso e acclamato The Grandmaster di Wong Kar Wai, Chen Kaige costruisce un racconto che oscilla tra la più squisita tradizione del Martial Arts Movie , le sfumature fantasy e l’essenza filosofica del Taoismo e del Buddhismo come cardini delle arti marziali.


Il giovane He Anxia vive da sempre in un monastero maoista tra le montagne dove fu abbandonato ancora in fascia ed il cui abate gli ha fatto da genitore oltre che da mentore e maestro; questi con uno stratagemma spedisce Anxia nel mondo secolare degli anni 30 in una sfavillante Hangzhou raccomandandogli di perseverare nei dettami del taoismo.
Il giovane in città si trova davanti un mondo sconosciuto dove ogni cosa per lui è nuova e viene accolto dal medico Daoning come suo aiutante; Anxia riconosce nell’uomo il suo maestro, seguendo la logica a lui nota del rapporto mentore-allievo, motivo per cui quando l’uomo muore avvelenato il ragazzo , lungi dal cedere ai dettami filosofici acquisiti, mette in atto la vendetta contro i responsabili della morte.

Passerà quindi sotto le cure dell’abate buddhista che chiarirà i demoni del rimorso che si agitano in lui e quindi , sempre alla ricerca di una guida e di un maestro, Anxia si ritroverà a contatto col mondo delle scuole di arti marziali. 
L’incontro col mite Zhou , unico depositario della tecnica del Colpo della Scimmia che vive in un piccolo tempio , col villain Peng che difende gelosamente la sua tecnica e che fu fratello di scuola con Zhou e con Zha vecchio compagno di quest'ultimo nello studio delle tecniche più prodigiose delle arti marziali, introdurrà il giovane nel conflitto ideologico-filosofico del mondo del kung fu.
La recensione completa può essere letta su LinkinMovies.it

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi