venerdì 23 ottobre 2015

Freeheld ( Peter Sollett , 2015 )




Freeheld (2015) on IMDb
Giudizio: 4/10

Proveniente da Toronto dove ha avuto la sua prima mondiale e passando per San Sebastian dove ha ricevuto il premio per i film che si occupano delle problematiche gay e transex, Freeheld di Peter Sollett giunge alla Festa del Cinema di Roma anticipando di pochi giorni l’uscita nelle nostre sale prevista per i primi di novembre.
La pellicola è ispirata ad un caso che ha portato alla ribalta la problematica delle coppie gay: un caso di amore, giustizia ed uguaglianza , appunto, come recita il sottotitolo italiano tanto per creare quell’aura di film sociale che tanto attira e incuriosisce.


E’ la storia di una poliziotta del New Jersey, dalla carriera brillante e carica di encomi, che decide di vivere la sua vita in coppia con una giovane ragazza sfidando le convinzioni e i pregiudizi della becera provincia americana , quando poi la malattia implacabile si abbatte su di lei è la stessa donna che solleva il problema della reversibilità della pensione, essendo la legge, all’epoca , ancora lacunosa e che lasciava di fatto ampia facoltà alle autorità locali, prima che sotto la presidenza di Obama e grazie ai movimenti di opinione per la parità dei diritti delle coppie di fatto, la legge sancisse definitivamente la raggiunta parità.
Per Laurel Hester, la poliziotta, e Stacie Andree, la compagna, le cose andarono diversamente, visto che i fatti risalgono al 2006, e il risultato fu ottenuto grazie ad una strenua battaglia contro le autorità della Contea.


Intorno a questa tematica che possiamo ben dire non regali proprio nulla in quanto ad originalità, Sollett costruisce un film che fa acqua da tutte le parti: proprio perché di argomento e di genere cinematografico ormai ampiamente abusati, il regista si guarda bene dal dare un tocco di autorialità, di imporre una regia che tolga al film quella patina quasi da film documento e, peccato ancor più grave, non si cura per nulla di creare un background ai personaggi costruendo una prima parte di una superficialità addirittura sorprendente. Basti vedere come le due donne si conoscono, si incontrano , si attraggono e finiscono a letto, tutto presentato con una imperdonabile faciloneria , mettendo le basi per un racconto monco fin dall’inizio.
La recensione completa può essere letta su LinkinMovies.it

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi