lunedì 7 novembre 2016

Cock and Bull / 追凶者也 ( Cao Baoping / 曹保平 , 2016 )




Cock and Bull (2016) on IMDb
Giudizio: 8/10

In una ambientazione da western moderno girato nel Far East cinese Cao Baoping costruisce la sua ultima fatica: reduce dall'eccellente The Dead End , visto all'ultimo FEFF di Udine, stavolta il regista cinese vira verso un lavoro dalle tinte meno drammatiche ma , per la sua struttura , sicuramente più simile a quell' Equation of Love and Death che rimane a tutt'oggi probabilmente il suo film migliore.
La visione di  Cock and Bull è una piacevole e personale rivisitazione di stili cinematografici ben noti: c'è Tarantino per la struttura a capitoli, ci sono i migliori Fratelli Coen per le venature da dark comedy pervasa di assurdità, c'è Ning Hao che col suo No Man's Land è stato certamente il regista che più di ogni altro ha trovato ispirazione dal western americano; e per finire c'è anche un po' di quel wuxia moderno che Jia Zhangke ha introdotto in A Touch of Sin.


La storia di per sè semplice, addirittura banale si potrebbe dire, è plasmata da Cao in maniera intelligente attraverso una serie di prospettive ad incastri e di salti temporali che riescono ad intricarla in maniera crescente.
L'irruento e facinoroso Song, un meccanico di un piccola città della provincia cinese più tipica, viene chiamato in causa per la morte violenta di Cat un autista col quale aveva avuto diversi diverbi in passato: a puntare il dito su di lui è la moglie dell'uomo, sebbene  la polizia in primis creda poco a questa possibilità perchè Song sarà pure impulsivo ma è riconosciuto come un onesto lavoratore e bravo padre.
Per il poveraccio accusato dell'assassinio non rimane altro da fare che mettersi lui alla ricerca dell'autore del delitto in modo da poter salvaguardare il suo buon nome minato dalle chiacchiere che corrono veloci; per far ciò si mette sulle tracce della motocicletta di Cat , sparita dopo la sua morte, convinto che ciò lo porterà a rintracciare il colpevole.

Basti sapere che da qui in poi Song si troverà in un apparente groviglio di fatti e di coincidenze che nascondono una storia ben più grossa di quello che può sembrare.
Cao Baoping racconta Cock and Bull attraverso una suddivisione in capitoli, dai titoli piuttosto pittoreschi, in cui la storia è vista sotto la prospettiva dei vari personaggi del mistero; così facendo intreccia spazio e tempo in una maniera che si stenta quasi a capire i vari piani narrativi salvo venirci incontro con fugaci momenti che riallineano gli assi spazio-temporali.
Sebbene il film possa essere inteso come un thriller, di cui in effetti ha tutti i connotati classici, Cock and Bull è più una commedia nera, raccontata con grande ironia, con momenti che ,carichi del loro nero umorismo, risultano addirittura esilaranti (basti pensare alla scena clou sul battello).
L'ambientazione rurale cinese con i suoi villaggi e le strade polverose di montagna, i personaggi ben disegnati, i dialoghi divertenti e sagaci, alcune situazioni quasi grottesche, il sottofondo di problematiche sociali che emergono dai personaggi, tutti più o meno col loro carico di iella e di fallimento, una demarcazione tra buoni e cattivi molto labile e un diffuso ricorso ad assurdità comportamentali, tipico di chi appare privo di ogni morale, fanno sì che il film di Cao risulti ricco di ritmo e divertente , caratteri che tendono a nascondere le tematiche sociali sotto un manto di ironia e di leggerezza, stratagemma spesso usato dagli autori cinesi per evitare di incorrere nelle maglie della censura.
Cock and Bull è dunque lavoro bello, intelligente, per certi versi anche ricercato nella forma, diretto con grande bravura da Cao  che si conferma tra gli autori più interessanti del cinema cinese e che si avvale di un cast di grande livello, grazie soprattutto alle prove di Liu Ye e di Zhang Yi.

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi