venerdì 12 gennaio 2018

Yourself and Yours ( Hong Sang-soo , 2016 )




Yourself and Yours (2016) on IMDb
Giudizio: 6.5/10

Per il 2016 Hong Sang-soo ha scelto come ribalta per il suo lavoro nessuno dei tre Festival più importanti e prestigiosi dove da anni ormai è presenza fissa, bensì dapprima Toronto e poi San Sebastian: cambia poco, perchè anche nella rassegna della città basca ha comunque ottenuto il premio come migliore regia. Come vedremo, il 2017 lo riporterà a calcare i red carpet delle maggiori rassegne con i risultati immaginabili.
Yourself and Yours è in effetti un lavoro che tende a discostarsi alquanto anche dagli ultimi che già presentavano un progressivo allontanamento, non tanto nella forma quanto nella prospettiva narrativa, dai suoi canoni cinematografici iniziali; siamo di fronte ad un film romantico, nella maniera come può essere un film di Hong che di amore e rapporti personali ha sempre infarcito le sue opere.
Con il costante mutare del suo sguardo, sempre meno sarcastico e severo , con cui focalizzava i suoi personaggi, il film mantiene il marchio di fabbrica del regista coreano, ma la storia lungi dall'esser graffiante, si risolve in una riflessione bipolare sul rapporto di coppia.


Il tema della duplicità che già aveva animato in maniera efficace il precedente Right Now, Wrong Then qui assume addirittura i connotati del divertissement incentrandosi sulla figura ambigua della protagonista.
Al termine di un alterco Young-soo e Min-jung decidono di interrompere il loro rapporto: lui, insospettito dalle dicerie di un amico, è convinto che lei, rompendo una promessa fatta, se ne vada in giro a bere e ad ubriacarsi con le conseguenze che si possono facilmente immaginare conoscendo come i coreani reagiscono alla bevuta.
Nel frattempo una donna che appare identica a Min-jung compare in città, spacciandosi ora per una sorella gemella e ora per una persona diversa: la donna accetta volentieri la compagnia di vari personaggi, tra cui l'immancabile regista semi fallito.
Young-soo soffre per la mancanza della donna nonostante le dicerie degli amici e si reca spesso a cercarla, immaginando persino un incontro riparatore in cui si giurano amore eterno.
Alla fine l'incontro avviene, ma con quella donna che si dichiara non essere Min-jung.

A che gioco sta giocando la donna? Esiste veramente una sosia perfetta o lei sta furbescamente mettendo in atto un piano? Esiste veramente una sorella gemella? E' Min-Jung che finge di non conoscere Young-soo quella che incontra l'uomo?  O forse  è lei che immagina di ripartire cancellando tutto il passato?
Come si vede il gioco dell'ambiguità e della doppiezza subentra in modo deciso anche in questo lavoro di Hong, nel quale la morale ( eh sì, perchè anche se non sembra Hong "moralista" in senso filosofico un po' lo è) che emerge è che i rapporti di coppia possono esplodere quando la pressione tra i due partner diventa insopportabile e che forse in certi casi occorre usare un bel colpo di spugna per resettare tutto.
Dal punto di vista formale e della regia Yourself And Yours è comunque film pienamente coerente con il Cinema di Hong: i soliti piani fissi con le zoomate quasi sincopate, i dialoghi puntigliosi, osterie come set abituale, tavolate con conseguenti bevute e sbronze che lasciano cadere i freni ai personaggi; qui addirittura il bere , il soju e la birra diventano quasi dei protagonisti assoluti del film proprio perchè il protagonista non tollera che la fidanzata beva in maniera smodata e alcuni dialoghi che teorizzano il rito della bevuta e conseguente sbronza sono in effetti molto pungenti e strappano il sorriso.
Di certo Yourself And Yours non ha quel carico seppur minimalista di tormento , di disorientamento che spesso i personaggi di Hong mettono in mostra e , come detto, alla fine siamo di fronte ad un racconto romantico in tutti i sensi, finale compreso; è insomma un'altra di quelle pagine che sembrano tutte uguali, uscite dalla penna dello stesso autore, ma che nelle pieghe hanno la capacità di raccontare sempre qualcosa di diverso.

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi