sabato 23 gennaio 2016

North by Northeast / 东北偏北 ( Zhang Bingjian / 张秉坚 , 2014 )




North by Northeast (2014) on IMDb
Giudizio: 7.5/10

Siamo nel nord est rurale e freddo della Cina, come ci avvisa la didascalia all'inizio della storia la Rivoluzione Culturale è finita da due anni, e un piccolo manipolo di poliziotti di provincia è chiamato ad indagare su alcuni casi di aggressioni brutali con stupro subiti dalle donne dei villaggi.
Il bruto si materializza sempre di notte per poi sparire come un lampo e i poliziotti che nel frattempo si sono stanziati nel villaggio  presso la casa di una anziana professoressa relegata ai margini dalle epurazioni del turbolento passato e che, seppur riabilitata, continua a vivere nella profonda campagna dove è diventata una sorta di santona con le sue conoscenza in maniera di erboristeria e di medicina tradizionale che applica con successo su animali e uomini.


Il giallo è difficile da risolvere, anche perchè la pattuglia di poliziotti non mostra certo grande fiuto, nonostante le millantate doti del capitano che si autodefinisce grande esperto di impronte.
Comunque alla fine, come tutti i gialli che si rispettino, la verità verrà a galla anche se il finale a doppio binario che un po' burlescamente il regista decide di adottare, lascia qualche domanda in sospeso.
E' un thriller simpaticamente casereccio North by Northeast che non basa certo la sua struttura portante sulla soluzione del giallo; semmai Zhang Bingjian gioca tutto su atmosfere originali e su personaggi pittoreschi e ben tratteggiati per costruire una storia che se da un lato sembra fare l'occhiolino ad Hitchcock dall'altro si struttura come un vero e proprio compendio delle tradizioni e dei costumi della Cina rurale dei tardi anni 70 in cui ancora si va in giro con le divise che rimandano al maoismo e in cui del tutto l'eco della Rivoluzione Culturale non si è ancora spenta.

Non per questo però il regista opta per l'opera che indaga la società che usciva dalla pesante esperienza, solo qualche tratto qui e là sembra solo colorire in modo sbiadito il periodo storico.
Invece North by Northeast produce una atmosfera divertente, colorita, che regala momenti validi ( la scena iniziale col maiale che irrompe sulla scena del crimine) grazie ad una carrellata di personaggi schietti e ricchi di umorismo: la vecchia Cai che , in forza del suo spirito naturista, rimanda tutti gli eventi della vita al filosofico equilibrio Yin-Yang e alle sue formidabili correnti di energia, il capitano impotente che è tentato dalle misture della donna che donano prolificità prodigiosa ai maiali, gli altri poliziotti che non sembrano certo detective provetti.
Insomma ne viene fuori un lavoro divertente, ricco di umorismo intelligente, venato da una certa nostalgia per un periodo che era capace di esprimere ancora una umanità colorata e non massificata e con una piccola e non certo pedante morale: tutto nella vita necessita del giusto equilibrio per mantenere l'armonia; i personaggi si affannano, scalpitano, corrono dietro a convinzioni, ma la vecchia saggia Cai ripete che tutto si spiega con il giusto equilibrio.

Zhang Bingjian mostra buone doti alla regia, sia nella costruzione delle atmosfere che nel tenere tesi al punto giusto i fili della storia, si avvale di una buona dose di ironia che si manifesta nei dialoghi e nelle situazioni spesso esilaranti e addirittura si permette di inserire tra le musiche Johann Strauss jr con il celeberrimo Sul bel Danubio blu, a dimostrare che veramente, nel 1978, la Rivoluzione Culturale era finita.

Nessun commento:

Posta un commento

Condividi