lunedì 24 giugno 2019

Parasite ( Bong Joonho , 2019 )




Parasite (2019) on IMDb
Giudizio: 8/10


La famiglia di Ki-taek è il tipico emblema del sottoproletariato urbano, brutti sporchi e cattivi; vivono in un seminterrato malsano dove la vista migliore che si gode dalle grate delle finestre è quella degli ubriachi che urinano. Ki-taek e la sua famiglia vivono del sussidio di disoccupazione, lui è un ex autista che ogni tentativo intrapreso di reinserirsi nel mercato del lavoro è finito in maniera tragicomica, la moglie , da buona sudcoreana fa la casalinga, il figlio Ki-woo ha fatto per quattro volte l’esame per essere ammesso all’università fallendo miseramente, la figlia Ki-jung nutre stravaganti aspirazioni artistiche, ma di fatto non fa nulla se non aiutare la famiglia che tira avanti con lavoretti occasionali, come quello di assemblare scatole per la consegna delle pizze; nonostante ciò all’interno della famiglia sopravvive una certa allegria e ci accontenta di riuscire a scroccare una connessione wifi priva di password di accesso.
Il signor Park invece appartiene all’alta borghesia del paese, importante manager di una azienda di punta, vive con la moglie , un figlio maschio in età fanciullesca e una femmina in età scolastica in una magnifica casa ideata e costruita da un grande architetto da cui l’hanno comprata; una famiglia di quelle da copertina che vive con tutti i confort che la ricchezza può offrire.


Come potranno mai interagire due realtà così distanti, appartenenti a mondi che vivono a distanze siderali sebbene confinanti apparentemente? L’occasione la coglie al balzo Ki-woo che viene inviato da uno suo amico in partenza per un viaggio di studio a sostituirlo come insegnante di inglese della giovane figlia di Mr Park.
Il giovane che è di certo povero ma ricco di ingegno brillante, riesce con una serie di stratagemmi a far sì che tutta la famiglia venga assunta dai Park: dapprima la sorella che si spaccia per insegnante d’arte e che deve aiutare il piccolo rampollo di casa Park ad esprimere il suo ingegno artistico che traspare da alcuni disegni, poi tocca a Ki-taek che viene assunto come autista grazie ad un imbroglio ai danni del precedente  e quindi anche la moglie viene accolta nella splendida casa dei ricconi come governante al posto della storica factotum di casa Park alle cui spalle viene ordito un altro imbroglio finalizzato al suo licenziamento.

Lemonade ( Ioana Uricaru , 2018 )




Lemonade (2018) on IMDb
Giudizio: 6.5/10

L'esordio cinematografico nel lungometraggio di Ioana Uricaru ha come palcoscenico la sezione Panorama della Berlinale e la protezione di Cristian Mungiu nelle vesti di produttore; la regista appartiene già ad una generazione diversa rispetto a quest'ultimo, avendo compiuto gran parte degli studi cinematografici negli Stati Uniti.
Ed è proprio la società americana ad essere sotto l'occhio attento della Uricaru di pari passo con la protagonista del film:Mara è una giovane donna rumena emigrata negli States in attesa di poter ricevere la Green Card che gli renderebbe illimitata la permanenza sul suolo americano; la donna ha un lavoro come infermiera, un matrimonio con Daniel conosciuto in ospedale in seguito ad un incidente che lo ha gravemente menomato e un figlio poco più che fanciullo avuto da un precedente matrimonio in Romania con cui aspetta di ricongiungersi.
L'ufficio preposto a rilasciare l'agognata green card svolge le indagini sulla donna e soprattutto sul matrimonio, a dire il vero piuttosto frettoloso, e la sua pratica è affidata ad uno zelante quanto raccapricciante impiegato carico di un rancore xenofobo ben mascherato ma tangibile.


In epoca trumpiana gli Stati Uniti d'America non sono più la patria di chiunque cerchi un riscatto ed insegua il sogno di inserirsi in una società capace di offrire a tutti la possibilità di vivere una vita serena; il sospetto, il rancore quando non l'odio vero e proprio, spingono il paese a vedere lo straniero come un imbroglione in cerca di facili strade per piantare le tende nella società americana.
Per Mara quindi inizia una odissea tra burocrazia apparentemente efficientissima ma in effetti elefantiaca come tutti i carrozzoni burocratici, umiliazioni, difficoltà apparentemente insormontabili, eventi che stravolgono la sua vita nella quale rimane come ancora di salvezza solo la presenza del figlio.
Raccontato con uno stile secco, diretto, che rasenta il verismo, caratteristica cinematografica tipica di buona parte del cinema dell'est Europa, Lemonade è lavoro che basa gran parte del suo pathos sui personaggi, a partire da Mara per finire al figlio Dragos passando attraverso la piccola schiera di conoscenti che in qualche maniera cercano di rendersi utili alla causa della donna. 

martedì 11 giugno 2019

Starfish ( A.T.White , 2018 )




Starfish (2018) on IMDb
Giudizio: 9/10

Esiste forse dolore più grande e totalizzante tale da annichilire che perdere una persona con la quale siamo uniti da un legame fortissimo e verso la quale magari serbiamo anche qualche senso di colpa? Come ci appare il mondo in quel momento? Possiamo superare il dolore e il senso di perdita che sembra lacerare le nostre carni?
Queste , e molte altre domande , oltre che numerosi dilemmi, sembrano emergere ed affollare la straordinaria opera prima di AT White, regista indipendente americano di origine inglese, sceneggiatore e compositore di alcuni brani della bellissima colonna sonora del film: Starfish è opera di quelle che nascono con la forte impronta autoriale, derivate dalla esperienza personale del regista  che però riesce a deflagrare ai nostri occhi e toccare le corde profonde della nostra anima.
Aubrey ha appeno perso la sua migliore amica Grace, alla quale era legata da anni, il dolore che prova è talmente grande che non le permette neppure di assistere al rito funebre, l'unica cosa che riesce a fare è rifugiarsi nell'appartamento della amica morta alla ricerca di ogni traccia che gliela riporti alla mente, tartarughina e  piccole meduse allevate in un acquario comprese.


Risvegliandosi dal sonno Aubrey, si rende conto che la città è sepolta da una coltre di neve, devastazione ovunque e senza alcun segno di vita tranne la presenza di creature mostruose provenienti chissà da dove; ma forse la ragazza non è la sola sopravvissuta a quella che sembra una repentina apocalisse: attraverso un walkie talkie le giunge la voce di una persona che dice di conoscere Grace e che la sua amica è la chiave per poter tentare di salvare l'umanità.
Grace infatti , insieme ad un misterioso gruppo, riteneva di esser entrata in contatto con una civiltà aliena e attraverso una serie di segnali contenuti nelle canzoni aveva trovato il modo di  rapportarsi con essa.
Un foglio che appare un messaggio criptico scritto da Grace, una caccia al tesoro nella città abbandonata alla ricerca delle sette cassette che contengono le musiche veicolo del segnale per gli alieni, la frase Forgive and Forget con la firma delle due amiche che compare in varie circostanze, e finalmente il segnale pronto per essere trasmesso dalla stazione radio, che ci conduce ad un finale ascetico e psichedelico forgiato dal libero arbitrio.
Tornando all'incipit, dunque , riesce AT White a trasmetterci il senso di distruzione interiore derivato dalla perdita e dalla sua elaborazione? Starfish vive e si alimenta della esperienza personale del regista che dedica il film alla sua amica Sayako "Grace" Robinson, morta ventisettenne per un cancro ( i proventi tra l'altro andranno tutti ad un fondo per la ricerca dedicato alla ragazza ); questo aspetto influenza pesantemente tutta la pellicola, perchè White in più di un frangente sembra interessarsi molto più all'aspetto emozionale e interiore che allo sviluppo della storia che come impianto rimane pur sempre un thriller ad impronta post-apocalittica, sebbene, non sarà difficile capire alla fine della visione che il tutto può essere letto come una gigantesca metafora sullo stato d'animo della protagonista ( e di conseguenza del regista) di fronte alla perdita, alla elaborazione del lutto e al rimpianto: l'universo si liquefa, si distrugge, sublima in infinite particelle che svaniscono e noi non siamo più uguali a prima dopo l'esperienza del dolore invincibile provato.

sabato 8 giugno 2019

9 Doigts [aka 9 Fingers] ( F.J. Ossang , 2017 )




9 Fingers (2017) on IMDb
Giudizio: 7/10

F.J. Ossang, artista poledrico francese, musicista, scrittore e poeta ed anche cineasta, giunge al suo quinto lungometraggio ( in 34 anni di attività, una media degna del primo Malick...) con 9 Doigts, premiato a Locarno per la regia, lavoro tutt'altro che semplice, per molti versi spigoloso ed arcigno quando non addirittura arcano, ma che soprattutto nella sua essenza visiva, formale e stilistica regala indubbiamente dei bei momenti.
Il racconto è molto frastagliato, più che ad un a trama si affida a dei frammenti sparsi qui e là, a partire dal protagonista Malgoire che vediamo nella scena iniziale muoversi con circospezione in una stazione per poi fuggire ed imbattersi dapprima in un moribondo che gli consegna una grossa cifra di denaro e quindi in una banda di gangster misteriosi che lo rapisce: un inizio degno del più classico dei noir quindi dal quale ben presto però si allontana per approdare ad atmosfere da film a metà strada tra il metafisico ed il fantascientifico.


Il gruppo di malavitosi con il loro ostaggio Malgoire infatti si imbarca frettolosamente, portando con sè una misteriosa valigia, su un cargo che sembra tanto somigliare ad una nave fantasma, direzione l'isola che non esiste , una entità più teorica e filosofica che reale, accumulo di materiali plastici retaggio di una civiltà già finita nel baratro e pronta ad essere sopraffatta dai tangibili pericoli nucleari.
E' proprio a bordo della nave alla deriva verso una meta imprecisata, raggiunta ma mai attraccata, ridotta a nucleo di devastazione e morte attraverso la metaforica immagine di una peste nucleare che sta colliquando l'umanità intera,  che 9 Doigts muta la sua livrea da noir americano anni 40-50 ricco di un bianco e nero molto stilizzato in una riflessione filosofica ed esistenzialista sulle sorti dell'umanità; Ossang si avvale di metafore e di allegorie, di richiami cinematografici citazionisti, di un nichilismo di fondo che sembra accettare la deriva di putrefazione materiale che ha imboccato la civiltà.

giovedì 6 giugno 2019

The Wild Pear Tree [aka L'albero dei frutti selvatici] ( Nure Bilge Ceylan , 2018 )




The Wild Pear Tree (2018) on IMDb
Giudizio: 8.5/10

Dopo aver quasi sistematicamente raccolto qualche premio al Festival di Cannes ( Palma d'Oro compresa con il magnifico Il regno d'inverno nel 2014 )   con i suoi lavori più recenti, stavolta la presenza sulla Croisette di Nure Bilge Ceylan non è stata così trionfale, per lo meno a livello di palmares, perchè invece la critica si è espressa in maniera quasi entusiastica  sulla sua ultima fatica, L'albero dei frutti selvatici, un'opera che per molti tratti sembra ripercorrere non solo alcune tematiche ma anche le coinvolgenti atmosfere della precedente Palma d'Oro.
In effetti il regista turco ha ormai costruito uno stile peculiare che lo contraddistingue , attraverso il quale sviluppa le sue tematiche esistenzialiste.
L'albero dei frutti selvatici vede al centro del racconto una famiglia che potremmo definire della piccola borghesia rurale: Sinan è il personaggio centrale, un giovane con pretese letterarie dal carattere tutt'altro che facile carico di indolenza e di superbia, ancora non orientato su quello che deve esser il suo ruolo nella vita, oppresso da un rapporto molto difficile col padre, insegnante  con ormai sepolte pretese letterarie e che non solo dilapida lo stipendio col gioco ma si carica pure di debiti; viceversa con la madre ha un rapporto consolatorio all'insegna del grande amore e con la sorella il classico legame di contrapposizione.


Quindi anche ne L'albero dei frutti selvatici ritornano la figura del letterato, il suo isolamento in una ambiente rurale dove la natura ha il dominio assoluto lungo il corso delle stagioni, il passato personale carico di rimpianti (splendidamente reso nella lunga scena nella canicola estiva in cui il protagonista incontra una amica di cui è stato innamorato, pronta a sposarsi ) e lo sguardo sui sussulti di una borghesia sempre più alla deriva nella sua incapacità di uscire dal guado.
Sinan è il personaggio centrale, sebbene è la figura del padre quella che traina maggiormente le tematiche, sballottato tra la sua ambizione di pubblicare un libro e trovare un posto nella società, ma il suo essere carico di protervia che lo porta addirittura a polemizzare con un noto scrittore che incontra e a cui si approccia con la scusa di chiedere consigli diventa un blocco insuperabile nel suo percorso personale esistenziale; inoltre , il rapporto con il padre improntato al disprezzo per il suo atteggiamento sconsiderato che si ripercuote su tutta la famiglia, sembra trascinare il protagonista su un piano di incomunicabilità che solo nel finale, bellissimo e carico di significati, sembra risolversi, anche perchè per Sinan trovarsi di fronte al fallimento del padre è , come vedere se stesso ugualmente sull'orlo del fallimento.

martedì 4 giugno 2019

Sauvage ( Camille Vidal-Naquet , 2018 )




Sauvage / Wild (2018) on IMDb
Giudizio: 7.5/10

Costruire e dirigere un film a tematica gay senza cadere in ovvietà e stucchevoli ipocrisie non è cosa semplice, ancor più quando il mondo gay è quello dei marchettari da strada, situazione che complica di molto le cose introducendo nel tessuto narrativo del film il rischio della retorica ad impronta sociale, la prospettiva pasoliniana rivisitata e le teorie sociologiche e antropologiche sulla colpa e sul peccato.
Per fortuna Camille Vidal-Naquet, all'opera prima dopo un passato fatto di corti e documentari, riesce con sorprendente bravura a schivare tutti i pericoli che un film come Sauvage si tirava dietro e a raccontare una storia dolorosa  con apprezzabile neutralità.
La storia , dalla trama molto scarna di per sè, si impernia intorno alla figura di Leo un ventenne che batte i marciapiedi di Strasburgo: un virgulto cresciuto sugli aridi marciapiedi tra macchine che si fermano per comprare e altre che che si accostano per poi ripartite subito.
Leo svolge il suo lavoro perchè gli piace, ne ha fatto la sua scelta di vita, una scelta senza tetto nè legge come raccontò decenni indietro Agnes Varda, una esistenza vissuta in strada , con spesso il cielo per soffitto.


Leo crede nell'amore, quello che l'amico marchettarro maghrebino Ahd non vuole dargli perchè lui si vende solo per soldi e rivendica la sua eterosessualità; tutto l'opposto del protagonista per il quale ogni cliente anche il più turpe potrebbe essere colui che gli riesca a  donare quello che cerca.
Ma se le premesse sono queste la storia prende ben presto un'altra china, ed è una via crucis laica, un tormento prolungato nel tempo, tra amore cercato e rifiutato, abusi, violenze, scatti di ribellione, affermazione della propria libertà portata all'estrema conseguenza; è la conferma che Leo è un essere selvaggio, privo di regole e di convenzioni, un cuore sempre in tumulto ed un corpo che inizia a crollare sotto i colpi di una vita spietata.
Vidal-Naquet ci illustra subito quale sarà la formula del racconto: nulla di mediato, sesso mostrato in maniera quasi priva di filtro, una violenza che prima di essere fisica è psicologica e una serie di storie , non solo quella di Leo, che affondano nel mercato dei corpi e dell'amore prezzolato.
La scelta di sbatterci in faccia la storia di questo giovane che imperterrito, nonostante tutto ciò che gli capita, continua a vivere nell'unico modo che probabilmente conosce, fa sì che la figura del protagonista crei da subito un'aura di empatia, quasi a voler in qualche modo saziare quella fame di calore che il ragazzo mostra quasi come un dolore fisico; nello stesso tempo, come dicevamo all'inizio, non ci racconta nulla del protagonista ( e degli altri marchettari), nè il suo background famigliare nè quello sociale, niente traumi dell'infanzia nè motivazioni che spieghino la sua omosessualità: insomma il regista riesce in quella difficile operazione di trattare la tematica gay in maniera "normale" , focalizzandosi sulla persona e non sul suo essere gay.

lunedì 3 giugno 2019

Still ( Takashi Doscher , 2018 )




Still (2018) on IMDb
Giudizio: 8.5/10

La magnifica natura dei Monti Appalachi attraversati dal sentiero omonimo, mecca di escursionisti e di persone alla ricerca di una natura severa e spettacolare accoglie lo spettatore che si accinge a vedere Still, opera prima del giovane regista Takashi Doscher, fino ad oggi attivo soprattutto nei cortometraggi e nei documentari.
La natura degli Appalachi che irrompe da subito crea repentinamente un clima affascinante all'interno del racconto: una giovane coppia vive in una vecchia fattoria sul limitare di un bosco, quando due escursionisti fanno la loro comparsa, stanchi e  alla ricerca del sentiero che li riporti nella civiltà, Ella sembra accoglierli con gentilezza offrendo loro riparo , Adam invece non solo non vuole saperne di accoglierli in casa, ma li carica con forza sul suo furgone e li porta via.
Accanto alla severità della natura entra in scena quindi la tensione: cosa hanno da nascondere i due che temono di essere stati trovati dai due escursionisti? Cosa porta Elle ad essere accogliente e gentile con gli estranei e Adam invece a farli sparire non sappiamo come?
Austerità della natura e tensione nei rapporti si miscelano e concorrono a creare sin da subito un atmosfera di mistero.


Ben presto fa ingresso in scena il terzo personaggio di questo racconto che si muove tra il thriller psicologico e il metafisico: Lily anche si è persa nel bosco dove ha vagato cercando di far fronte con le forze residue alla malattia che la sta stremando; stavolta Ella riesce ad accoglierla in casa e Adam, obtorto collo inizialmente, non si oppone.
La coppia che vive solitaria nel bosco ha costruito una distilleria sulle rive del fiume con la quale produce un liquore mediante il quale i sensi si obnubilano e i tre vengono attirati in un groviglio di emozioni e di passioni, magnificamente rappresentato in una lunga scena notturna.
A questo punto Still sembra riavvolgere il nastro e saltare indietro di molti anni per raccontarci l'origine di quella casa nel bosco e di chi la ha abitata, della distilleria e una storia di legami, sulla quale meglio non raccontare oltre, rischio spoiler.
Terzo segmento che si riaggancia al primo, ma ora sappiamo tante cose in più , in cui il destino di Ella , Adam e Lily  viene svelato,  e i misteri risolti.
Still è un grande film, va detto subito, per sgombrare il campo e dichiararsi apertamente. La sinossi non aiuta perchè troppe cose bisognerebbe dire ma sarebbero però risolutive di tanti aspetti del racconto e quindi si cadrebbe nel più classico degli spoiler volontari.

sabato 1 giugno 2019

Hotel by the River [aka Gangbyeon Hotel] ( Hong Sangsoo , 2018 )




Hotel by the River (2018) on IMDb
Giudizio: 8/10


Nel 2018  il prolifico regista coreano Hong Sang-soo ha diretto due lavori, Grass , presentato a Berlino e Hotel by the River che ha visto la luce al Festival di Locarno, confermando la ormai assoluta e consolidata presenza del regista coreano nel circuito festivaliero che conta, grazie alla ragionata distribuzione dei suoi film nelle maggiori rassegne cinematografiche.
Come abbiamo spesso detto i film di Hong proprio per questa consolidata caratteristica che porta il regista a presentare sempre almeno un paio di lavori all’anno, sono diventati quasi una tradizione, un appuntamento fisso atteso per il cinefilo; questi due ultimi lavori però possiedono un paio di caratteristiche peculiari all’interno della visione cinematografica del regista: da un lato infatti la scelta del bianco e nero, che comunque non è così rara nelle opere di Hong, rappresenta una scelta stilistica  che sembra volersi sposare con quella che è la tematica dominante, difficilmente presente con tanto vigore nella cinematografia dell’autore, e cioè la morte.


In Grass il tema si affacciava prepotentemente e ripetutamente all’interno delle varie storie raccontate, in questo Hotel by the River è addirittura un presupposto narrativo del film stesso.
Il racconto infatti si sviluppa intorno alla figura di una anziano poeta che , sentendo avvicinarsi la fine, senza però alcun dato obiettivo che lo confermi, convoca i suoi due figli presso l’albergo dove vive, immerso nella neve e affacciato sul grande fiume Han.
Nello stesso albergo alloggiano due amiche , una delle quali appena abbandonata dall’uomo che amava, che si ritrovano per consolarsi a vicenda.
Due frammenti distaccati dunque, quesi allo stesso modo di quelli che venivano raccontati in Grass; qui il contatto tra i due universi, quello tutto femminile delle due amiche e quello tutto maschile del poeta e dei suoi due figli, entrano fugacemente in rapporto tra di loro proprio attraverso la figura del poeta, incantato dalla grazia e dalla bellezza delle due donne che gli ispirano idee poetiche.

venerdì 31 maggio 2019

Rojo ( Benjamin Naishtat , 2018 )




Rojo (2018) on IMDb
Giudizio: 8/10

Trionfatrice assoluta al Festival di San Sebastian ( Premio della Giuria per la fotografia di Pedro Sotero, Silver Seashell per la migliore regia e per la migliore interpretazione maschile) , l'opera seconda del giovane regista argentino Benjamin Naishtat è risultata una delle pellicole più interessanti del finire del 2018.
Basandosi su un impianto narrativo tipicamente da thriller-noir , Rojo però è un lavoro che nasconde al suo interno ben altre tematiche e suggestioni come si può facilmente immaginare pensando alle origini del giovane regista.
Siamo nel 1975 in Argentina, un paese che sta già vivendo da qualche tempo i sommessi tumulti che lo porteranno al periodo probabilmente più buio della sua storia con la dittatura militare a partire dal 1976; il film si apre con due scene, la prima apparentemente incomprensibile , ma vedremo in seguito che un senso ce l'ha, in cui si osservano persone che entrano ed escono da una casa portando via oggetti, cui segue una scena in un ristorante , tipico ambiente medio borghese con persone che passano il tempo intorno al tavolo, tra cui Claudio uno stimato e ben voluto avvocato di una città di provincia; all'improvviso irrompe nel locale uno sconosciuto che con fare provocatorio se la prende con Claudio fino ad un violento alterco che avrà un seguito anche all'esterno.


Per Claudio sarà l'inizio di un incubo che metterà a repentaglio la sua pace famigliare e la sua professione a maggior ragione quando un ispettore giungerà in città per mettersi sulle tracce dello sconosciuto.
Se Rojo possiede indubbiamente alcune caratteristiche tipiche del thriller d'epoca, con tanto di richiami cinematografici vintage e grazie a questa struttura è capace di porre da subito lo spettatore su un livello di attenzione e di tensione non trascurabile, nello stesso tempo, lentamente ma inesorabilmente , lascia insinuare nel racconto una serie di di tematiche sociali e politiche anche grazie a svariate metafore.
L'Argentina alla vigilia del golpe descritta da Naishtat, la cui famiglia subì all'epoca pesanti persecuzioni, è un paese nel quale il germe del male sembra aver colpito ogni anfratto, dipingendo una società inerme, connivente, passiva di fronte all'emergere dell'intolleranza e delle spinte autoritarie giustificate da un ben poco convincente "stiamo combattendo il male maggiore, una terra senza Dio".

domenica 19 maggio 2019

Jo Pil-ho : The Dawning Rage [aka Bad Police aka Jo Pil-ho: L'alba della vendetta] ( Lee Jeongbeom , 2019 )




Jo Pil-ho: The Dawning Rage (2019) on IMDb
Giudizio: 6/10

Jo Pilho è un poliziotto corrotto o meglio un ufficiale di polizia che sfrutta il suo ruolo per arricchirsi illecitamente coinvolgendo nel suo giro piccoli delinquenti che riesce a manovrare dall'alto del suo potere; lui organizza e i complici mettono a segno i colpi, riscendo sempre a farla franca nei confronti dei colleghi che cercano di beccarlo con  le mani in pasta.
Quando un colpo che sembrava facile facile per impossessarsi rapidamente e senza fatica di un bel gruzzolo di soldi finisce invece malissimo, Jo si rende conto che stavolta è entrato, obtorto collo, in un gioco ben più pericoloso  nel quale sono in ballo interessi giganteschi: durante il colpo infatti scoppia un incendio furioso nel magazzino preso di mira causato da alcune esplosioni per causa del quale non solo ci lascia le penne il ragazzotto complice del poliziotto, ma viene trovata morta anche un altra persona.
In questo gioco pericoloso si trova ben presto coinvolta anche Min-ra , la poco più che adolescente fidanzata del complice saltato in aria durante il furto, un tipo tutt'altro che pacifico e non certo intenzionata a collaborare con Jo.


Il giro di corruzione e di malaffare che sta dietro alla serie di eventi che accadono portano Jo a scegliere , quasi obbligatoriamente, di stare dalla parte della giustizia stavolta.
Diretto da quel Lee Jeongbeom che ricevette smisurati elogi (anche troppi ) per The Man from Nowhere (titolo italiano del DVD L'uomo che veniva dal nulla), Jo Pil-ho : L'alba della vendetta, distribuito sulla piattaforma digitale Netflix, è lavoro che gioca tutte le sue carte , o quasi, sulla figura di Jo, ambiguamente sinistra, ma caricata di una innata simpatia per il suo essere sbruffone e cialtrone e che fin nell'epilogo mantiene questa doppiezza.
Avere tra le mani un personaggio come il poliziotto corrotto Jo che però di fronte all'amoralità della società travolta dalla cupidigia per il denaro fa comparire la sua faccia meno oscura, sebbene al fine soprattutto di salvare se stesso, agevola certamente la costruzione della storia, permettendo rapidi capovolgimenti narrativi e utilizzando il personaggio stesso come una cartina tornasole della corruzione che percorre la società coreana; in tal modo il confine tra buoni e cattivi diventa labilissimo ancor più perchè Lee sceglie di affrontare alcune situazioni del racconto con i toni della commedia  e con la satira.

giovedì 16 maggio 2019

The Mule [aka Il Corriere-The Mule] ( Clint Eastwood , 2018 )




The Mule (2018) on IMDb
Giudizio: 7.5/10

Anche in The Mule Clint Eastwood mostra quella tendenza, il cui inizio possiamo far risalire a Gran Torino , di costruire una profonda sovrapposizione quasi di identità tra i protagonisti dei suoi film e se stesso, in un tentativo di raccontare, forse , prima la propria esistenza cinematografica, che data ormai oltre 60 anni e poi quella personale , una volta giunto, in gran forma va detto, alle porte dei 90 anni.
In tal senso in The Mule c'è una identità anagrafica tra regista e protagonista, anch'esso novantenne, realmente esistito e protagonista di una storia incredibile cui Clint Eastwood si è fedelmente ispirato.
Il personaggio  è appunto un novantenne , appassionato floricultore, cui la nuove tecnologie come l'e-commerce , tolgono la terra da sotto i piedi facendolo ritrovare dopo tanti anni in una situazione insostenibile per cui si trova costretto a mollare l'attività e a ben presto a ritrovarsi vicino alla rovina completa.


Earl Stone, il nome del protagonista, unica licenza che si permette Clint Eastwood cambiando il nome vero del reale ultraottuagenario, è un uomo solo, ai margini della famiglia, ha divorziato dalla moglie e ha un rapporto pessimo con la figlia che gli rinfaccia pesantemente le sue assenze prolungate e una scarsa attenzione alla famiglia; senza casa, con tutti i suoi beni caricati alla rinfusa sul suo glorioso pick up con il quale si vanta di avere girato 40 stati dell'Unione senza beccare mai una multa, si presenta al matrimonio della nipote, forse l'unica della famiglia che prova simpatia per lui.
Qui conosce un amico del futuro marito della nipote che ascoltando il curriculum da grande viaggiatore in auto gli offre la possibilità di trovare un lavoro, inviandolo da dei suoi amici.
Earl non sa che il lavoro che stanno per proporgli è quello di corriere della droga per un cartello messicano: un lavoro facile per un vecchio che non dà di certo all'occhio , che guida con prudenza e che non ha mai subito una multa.
Iniziano quindi i viaggi di Earl, dal Texas all'Illinois, con istruzioni sempre uguali e che gli fruttano un bel gruzzolo di soldi; anche quando colto da una legittima curiosità scopre cosa è diventato, il nostro eroe decide di continuare guadagnando cifre sempre più alte visto che i trafficanti ormai lo ritengono indispensabile e gli affidano quantità sempre più ingenti di droga.

martedì 14 maggio 2019

The Shadow Play [aka Cloud in the Wind] / 风中有朵雨做的云 ( Lou Ye / 娄烨 , 2018 )




The Shadow Play (2018) on IMDb
Giudizio: 8.5/10


Come avviene quasi puntualmente ad ogni suo nuovo lavoro, anche per  l’ultima faticaThe Shadow Play, Lou Ye, regista cinese tra i più apprezzati anche in Occidente da ormai molti anni, ha dovuto fare pesantemente i conti con la censura; il film , infatti , seppur uscito nel novembre del 2018 al Golden Horse Film Festival di Taipei e con un passaggio nel febbraio successivo alla Berlinale, ha subito un ritardo di circa due anni legato alle modifiche o tagli (questo non è dato saperlo) imposti del severo Bureau cinese che da un lato sembra avere allargato un po’ le maglie (vedi per gli horror ad esempio) ma dall’altra ha alcuni cineasti come Lpu Ye appunto costantemente nel mirino, dopo il ban quinquennale subito con Summer Palace nel 2006.
Probabilmente non avremo mai una Director’s Cut, ma indubbiamente il film di Lou Ye alcuni nervi scoperti della società cinese li tocca e nel film il tutto appare sufficientemente chiaro.


Il prologo è di quelli che mettono subito lo spettatore in guardia: una convulsa (e tecnicamente bellissima) scena  di rivolta popolare che si svolge tra tetri casermoni in rovina dei quartieri popolari di Guangzhou fa da antefatto al momento chiave di tutto il film; infatti al termine degli scontri tra abitanti che si oppongono alla demolizione dei palazzi e polizia, il responsabile del piano di riqualificazione della zona, muore misteriosamente cadendo da uno dei fatiscenti edifici.
L’indagine sulla morte dell’uomo viene seguita con particolare attenzione ed impegno dal giovane detective Yang, il quale però si rende ben presto conto di come la sua solerzia sia molto pericolosa per qualcuno che cerca in ogni modo di tenerlo lontano dal caso.

lunedì 13 maggio 2019

Integrity / 廉政風雲 煙幕 . ( Alan Mak / 麥兆輝 , 2019 )




Integrity (2019) on IMDb
Giudizio: 6.5/10

Dopo la non brillantissima esperienza con Extraordinary Mission, si ricompone una delle coppie più collaudate del cinema di Hong Kong; una accoppiata, quella di Alan Mak (regista) e Felix Chong ( solo produttore questa volta), che ha dato volta a lavori che sono ormai universalmente riconosciuti come capisaldi del cinema di genere poliziesco dell'ex colonia britannica, basti citare solo la Trilogia di Infernal Affair.
Integrity è un altro di quei lavori che , come avviene di frequente nel cinema di Hong Kong, cerca di rincorrere quei modelli che hanno fatto la fortuna del genere, quali appunto i tre capitoli di Infernal Affair. 
Siamo però di fronte più ad una rivisitazione in chiave quasi post moderna, dove è l'ambito finanziario e la ipertecnologia a dettare  i canoni narrativi del film.


La storia infatti prevede sì la consueta presenza dell'undercover , ma tutto il racconto ruota intorno ad una gigantesca truffa finanziaria da parte di una compagnia di tabacco , messa in piedi con il fiancheggiamento attivo di autorità politiche e finanziarie pronte ad avvelenare il mercato azionario.
King è uno degli investigatori più bravi e stimati della Agenzia governativa che combatte la corruzione, è riuscito nell'impresa di poter portare sul banco dei testimoni uno degli operatori finanziari che erano il fulcro della truffa , ma il giorno della udienza questi eludendo i controlli scappa in Australia , inoltre anche altri imputati non si presentano al processo.
King e il suo team avranno solo una settimana di tempo per riportare  Hui, il testimone, ad Hong Kong, anche se sulle sue tracce in Australia viene mandata Suet, moglie divorziata di King; quest'ultimo, intuiamo subito ha una lunga conoscenza di Hui e nel finale tutto verrà spiegato.

domenica 12 maggio 2019

Crazy Alien / 疯狂的外星人 ( Ning Hao / 宁浩 , 2019 )




Crazy Alien (2019) on IMDb
Giudizio: 5.5/10


Cinque anni dopo il buddy-road movie Breakup Buddies, Ning Hao dà alla luce il suo settimo lavoro, Crazy Alien , da qualcuno molto forzatamente considerato il terzo capitolo di una fantomatica trilogia comprendente Crazy StoneCrazy Racer ai quali sarebbe accomunato non si capisce bene da cosa, lavori del 2006 e 2009 rispettivamente che , è bene dirlo subito, non hanno praticamente nulla a che vedere con questa nuova pellicola.
Uscito nelle sale nel periodo più propizio, quello del Capodanno Lunare , Crazy Alien sembra proprio fatto apposta per attrarre il grande pubblico a scapito della qualità complessiva; il risultato è un film commerciale, rivolto al grande pubblico , di quelli da domenica pomeriggio con coca cola e pop corn.
La storia ha un prologo in perfetto stile fantascienza, seppur ben presto con contaminazioni demenziali: gli americani hanno finalmente costituito un punto di contatto con gli alieni, è nel bel mezzo dello spazio deve avvenire uno scambio di dna , contenuto in una sfera, tra umani e alieni; l’idiozia di un astronauta americano che pensa bene di immortalare il momento con l’immancabile selfie, manda su tutte le furie gli alieni e la loro navicella finisce alla deriva nello spazio prima di cadere , con il suo carico a bordo, in uno scalcinato parco giochi nel quale è riprodotto tutto il mondo, dove lavora Geng Hao , un ammaestratore di scimmie vicino al fallimento, non certo il punto di forza del parco giochi.


Quel che resta della navicella porta sulla terra un piccolo esserino alieno, quasi un clone di ET, che Geng Hao e il suo compare Da Fei scambiano per una scimmia proveniente dall’Africa.
Naturalmente gli americani hanno tutte le intenzioni di recuperare l’essere alieno e dopo mille peripezie riescono a giungere  in Cina dove ne frattempo Geng Hao ha addestrato l’alieno e intende utilizzarlo al posto della scimmia che nell’impatto a terra della navicella si era infortunata.
E’ facile capire come con un plot del genere siamo molto più vicini alla commedia demenziale che alla black  comedy di cui Ning Hao ci ha regalato eccellenti esempi.

sabato 11 maggio 2019

We the Animals [aka Quando eravamo fratelli] ( Jeremiah Zagar , 2018 )




We the Animals (2018) on IMDb
Giudizio: 6.5/10

In We the Animals , rititolato Quando eravamo fratelli in italiano per la sua prossima uscita nelle nostre sale, è un lavoro che contiene al suo interno una sfida ardua e difficile e anche di una certa ambizione: raccontare il mondo dell'infanzia, il  primo approcciarsi alla vita adulta e le trasformazioni che si compiono durante il percorso senza cadere nell'ovvio, nello stucchevole o peggio nel facile sentimentalismo che inevitabilmente le storie di ragazzini si tira dietro, impresa , va detto, piuttosto ardua perchè il mondo cinematografico non pullula di certo di registi che in tale impresa siano riusciti.
Jeremiah Zagar , al suo primo lungometraggio, documentarista con un certo credito alle spalle, riesce in parte nell'impresa realizzando un lavoro che ha certamente buoni spunti e momenti validi, ma anche alcuni aspetti che non convincono totalmente.
Il racconto è imperniato intorno a tre fratelli, di età compresa tra i 10 e i 12 anni, figli di una coppia mista , padre caraibico e madre bianca  americana, che vivono nella campagna , probabilmente della Pennsylvania; la loro esistenza tutto sommato allegra, quando non interrotta dalle frequenti liti tra madre e padre, si impernia sul legame fortissimo che li unisce e che gli permette di poter affrontare la giornate spesso da soli (il padre è sorvegliante presso un edificio industriale, la madre lavora in una fabbrica che imbottiglia chissà cosa e spesso il giorno dorme perchè ha lavorato la notte).


Ma per i tre esser da soli non è un problema, il loro mondo è pieno di loro stessi e dei loro passatempi, un mondo chiuso e arroccato come un fortino inespugnabile che offre loro sicurezza; di contro hanno sviluppato una avversione verso il mondo esterno che si concretizza in piccoli gesti di ribellione e di ostilità.
De tre Jonah, il più piccolo, è quello che sembra avere una personalità più complessa: legatissimo alla mamma, più taciturno, esprime i suoi sentimenti e la sua visione del mondo disegnando nottetempo, sotto al letto, su un quaderno immagini che di sovente prendono vita e vanno diventare parte del racconto dando vita ad uno degli aspetti più interessanti del film.
L'affacciarsi alla vita, oltre al dover sopportare le continue liti e le violenze tra i genitori e le conseguenze che generano, porta anche alla scoperta della sessualità, con i primi impulsi e , per quanto riguarda Jonah , la conferma della sua peculiarità che si esplica in una attrazione omosessuale.
Inoltre We the Animals vive molto su una metafora a dire il vero piuttosto abusata, quella dell'acqua , che prende corpo all'inizio del film quando il piccolo Jonah e la madre si trovano ad affrontare le acque del lago, loro che sono gli unici della famiglia che non sanno nuotare e che il padre spinge con la forza ad avventurarsi nell'acqua.
Condividi